SPINACI SALVA IL PIANDIMELETO: CON IL MAROTTA E’ 0-0

Tra Marina e Vadese fa tutto Mancinelli: autogol e gol

Era chiamata ad una prova d’orgoglio dopo 3 ko consecutivi e ciò in parte è avvenuto: la Vadese esce con un punticino dalla insidiosa trasferta di Marina di Montemarciano che gli consente di muovere la classifica in attesa delle due gare casalinghe contro Montelabbate e Valfoglia. Amantini è squalificato mentre nell’undici di partenza si rivede Bartoli, in difesa con Cencioni e Grassi Giacomo al centro e Pennesi a destra, in mezzo Cottini e Rosetti, Martinelli e l’under classe ’97 Traversa ai lati, coppia d’attacco formata da Chiarabini e Monaldi; in casa Marina non c’è capitan Rossetti mentre l’ex Biagio Nazzaro Ruggeri parte dalla panchina e dunque 4-4-2 dove Palloni e Ribichini sono le due punte, Mancinelli e Santini Marco in mezzo al campo, Maiorano e Sabbatini sulle fasce. Si comincia con il primo slalom di Rosetti (12′), il cui diagonale finisce out mentre il Marina risponde poco dopo con un tiro di Palloni che finisce la sua corsa sull’esterno della rete; si giunge al 20′ ed è ancora Rosetti protagonista (anche oggi di gran lunga il migliore dei suoi): il fantasista giallorosso scarta tutti, mette un cross al centro su cui si avventa Mancinelli che deposita nella propria porta lo 0-1. Potrebbe raddoppiare la Vadese (26′) ma l’estremo Montini dice di no a Monaldi, dopo un bell’invito di Traversa, parando di piede la prima conclusione e con i pugni la seconda; prima della pausa è il solito Mancinelli a creare qualche grattacapo al portiere Antonini. Il pareggio dei padroni di casa arriva al 64′ quando Maiorano riceve a sinistra, mette al centro per l’onnipresente Mancinelli: stavolta la porta è quella giusta, l’8 di casa non dà scampo all’estremo giallorosso. Sulle ali delle entusiasmo, gli anconetani provano a vincere e chi se non lui, Mancinelli, dopo un uno – due con Palloni sfiora il sorpasso; nel finale, su azione di contropiede, Monaldi ed il subentrato Grassi Enrico cincischiano e non riescono ad arrivare al tiro in porta. Finisce 1-1.
 
Quarto 0-0 stagionale per il Piandimeleto che tra le mura amiche ferma il Marotta, formazione tra le più accreditate alla vittoria finale. Martinelli cambia di nuovo un paio di elementi con Belpassi in difesa al posto dello squalificato Fabbri, assieme ai soliti Poggiaspalla, Ticchi e Solfi, a centrocampo spazio a Serafini e Amantini con Fraternali ed il rientrante Montanari (panchina per Rosaspina) sulle fasce, Martinelli appoggia Paternoster in avanti. Nel Marotta, l’allenatore – giocatore De Filippi va in campo solo nella ripresa, in mezzo giostrano l’esperto Urbinati ed il giovane Cennerilli, davanti il pericolo numero 1 è Messina, supportato dall’under Paolini e da Biagetti. 
Dopo una prima mezzora di noia in cui le squadre si annullano a vicenda, arriva la prima azione degna di nota degli ospiti con lo spauracchio Messina che chiama Spinaci alla prima paratona di giornata; sempre Marotta vicina al vantaggio prima dell’intervallo (44′) quando l’under Belpassi salva sulla linea una conclusione di Urbinati. Ripresa completamente a favore dei rivieraschi, con il Piandimeleto caparbio nel difendere la propria porta e confermarsi miglior difesa del torneo, soprattutto per merito del suo numero uno, nettamente il migliore in campo, che salva capra e cavoli sui tentativi di Messina e Pacenti. In un incontro di boxe avrebbe vinto il Marotta ai punti ma qui siamo in un campo di calcio: finisce 0-0, entrambe le squadre salgono a quota 12 in classifica. 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...