LUNANO DA SBALLO, CANTIANO AL TAPPETO: 2-1

Mercatellese e Macerata Feltria corsare, pari per Fermignano e Frontino. Perde il Casinina

La capolista Cantiano non suona la nona ed alla decima giornata perde la sua imbattibilità per merito di un Lunano che gioca un primo tempo da categoria superiore, va avanti di 2 reti e contiene il tentativo di rimonta degli ospiti nella ripresa. Rispetto al derby di Belforte, la novità nell’undici di Bernardini è Cancellieri, in campo dall’inizio in luogo di Mislimi, per il resto confermato Sarout alle spalle di Gorgolini, Righi e Venerandi a centrocampo con Uguccioni a sinistra, coppia centrale formata da Nardini e capitan Luca, Brisigotti e Marrella i due terzini; 4-2-3-1 di partenza per gli ospiti con Ramaioli riferimento offensivo, il capocannoniere Luchetti che svaria, Bucefalo e Ciufoli le due ali, in mezzo Virgili, difesa guidata da Giacomini. La gara si sblocca al 20′ quando Sarout, anche oggi sontuosa la sua prova, offre un assist a Gorgolini che davanti a Ricci, non ha difficoltà a realizzare; il Cantiano subisce il colpo, mai vista così in difficoltà quest’anno la compagine rossoblù, e prima del riposo deve subire anche il 2-0: ancora Sarout a dare il via all’azione, poi il resto è un pezzo di bravura di Uguccioni che arride Giacomini e con un potente destro fa secco Ricci. Nella ripresa, è un’altra musica, con la capolista ferita nell’orgoglio che alza il baricentro (dentro anche Belocchi di fianco a Ramaioli) e assedia il Lunano nella propria meta campo, non prima di aver rischiato lo 0-3 (Capuani fuori di un niente): ci provano Ciufoli, Virgili, Ramaioli ma Corradi (foto copertina) fa buona guardia. L’episodio che riapre la gara arriva a 10 dalla fine quando Ciufoli viene steso in area da Brisigotti: per Cascone di Pesaro non ci sono dubbi, espulsione per il terzino di casa già ammonito nel 1°tempo e calcio di rigore che Luchetti trasforma senza difficoltà. Ultimi minuti di grande tensione con gli ospiti che ci credono e continuano a spingere ma dopo 4 minuti di recupero, il triplice fischio del direttore di gara è una liberazione per la tifoseria locale.
 
Chi esulta per la vittoria del Lunano è anche la Mercatellese che, espugnando 3-1 Isola di Fano si porta ad un solo punto di distanza dal 1°posto (Cantiano 25, Mercatellese 24, Lunano 23); novità tra i pali per la squadra di Lulli (Benedetti al posto di Pierantoni), oltre a quelle di Evangelisti in luogo di Brincivalli nei 4 di difesa, D. Cruciani avvicenda Del Gallo sulla fascia destra, Arcangeli ritorna in mezzo al campo al fianco di Pistola, Pasciullo sempre a sostegno di Ciaffoni. E’ proprio quest’ultimo a dare il via alle danze approfittando di un clamoroso errore di Scarpetti (10′) per siglare il vantaggio ospite;la Mercatellese può raddoppiare nel corso del primo tempo (Contucci, Pasciullo) ma rischia di rimanere in 10 uomini per due falli consecutivi di Arcangeli, graziato dal direttore di gara. Ad inizio di ripresa, arriva il raddoppio grazie a Daniele Cruciani che sfrutta una bella discesa del solito Pasciullo e non ha difficoltà a spingere in rete; i giochi li riapre Rondina ad un quarto d’ora dalla fine risolvendo una mischia prima che Scarpetti risultasse ancora protagonista negativo facendosi rubare il cuoio da Luigi Cruciani: l’attaccante ospite ringrazia e sigla il definitivo 1-3.
 
Un gran gol di Brisigotti nell’ultima parte di gara consente al Macerata Feltria di fare suo il derby di Tavoleto ed issarsi al 4°posto in solitario; nei locali, in porta gioca Mauri, dietro Balducci e Rimei, a centrocampo Osvaldella con Palazzi, Baldelli e Filippini, in attacco Politi e Aboufaris mentre negli ospiti, è assente lo squalificato Franca ma torna in attacco Paci, supportato da Arosti. Partita equilibrata con leggera supremazia locale: Osvaldella ha due volte sui piedi il vantaggio ma sciupa clamorosamente. Si profila lo 0-0 fino all’invenzione di Brisigotti che, a centro area, mette a sedere due difensori e calcia all’angolo opposto dove Mauri non può arrivare.
 
Perde contatto con i quartieri nobili della classifica il Casinina, sconfitto 2-0 nel derby di Borgo Massano; Pierini dà fiducia a Magi e Carcianelli in attacco, Perugini in mezzo al campo, in porta c’è Ibidi. Silvestri e Mancini sono le due punte dei biancoverdi di casa, Autiero e De Marco sulle fasce, tra i pali non c’è Pigliapoco, tocca a Bernardi. Pronti via e la gara si sblocca: dopo 120 secondi, Battazza sbaglia e De Marco ne approfitta per portare avanti i suoi. Casinina sfortunato al 13′ quando una punizione di Filippini si stampa sulla traversa e la successiva ribattuta di Romani colpisce il palo; è ancora De Marco (35′) a far male al Casinina: il numero 7 locale, scattato sul filo dell’offside, salta con un pallonetto Ibidi e mette in rete. Silvestri avrebbe la possibilità di triplicare prima dell’intervallo ma decisivo è il salvataggio di Biagiotti. Meglio gli ospiti ad inizio ripresa, con Filippini che scalda le mani di Bernardi; passano i minuti, cala il ritmo, il Borgo Massano ottiene una vittoria che gli consente di rimanere in zona play off.
 
Dopo 5 ko consecutivi, torna a muovere la classifica il Fermignano che inforca gli occhiali nella sfida salvezza contro l’Acqualagna; tanti uomini offensivi in campo per Piermattei, tra cui Maiorano, Caiterzi, Bedini e di Paoli, in mezzo al campo gioca Matteucci con Perugini mentre nell’Acqualagna il pericolo numero uno Cagnoli è in panchina, in attacco gioca Michele Benedetti. Partita non bellissima che testimonia la situazione di classifica pericolante delle due compagini: il primo squillo è di Di Paoli su assist di Bedini (tiro fuori), poi è proprio Bedini a fare 50 metri palla al piede ma la sua conclusione finisce sul palo, Maiorano alla mezzora chiama Benedetti alla difficile parata. L’Acqualagna del primo tempo è solo un fendente di Di Muccio, ben deviato da Orciari. La fortuna non è dalla parte degli uomini di casa che colpiscono nuovamente il palo con Maiorano (50′) e rischiano di subire la beffa al 73′ quando Orciari non trattiene un tiro di M. Benedetti riscattandosi nel proseguio dell’azione deviando la conclusione. L’ultima emozione è un calcio piazzato di Matteucci, parato dall’estremo ospite. 
 
Ottiene il secondo punto stagionale il Frontino e lo fa impattando 0-0 nel derby di Sassocorvaro; partita equilibrata con occasione su ambo i fronti, bravi i due portieri Donini e Carloni a respingere i tentativi di Nerathi e Dominici. 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...