CALCIO A 5: GNANO DELUXE ESPUGNA PIOBBICO

toni-angeli

Toni Angeli, lo special one di Fermignano

Il Peglio tiene bene il ritmo e vince ad Acqualagna, il Barco batte il Real Vado.

 

Dove vuol arrivare questo Gnano? Dopo anni di lotte a metà classifica finalmente l’anatroccolo è diventato cigno, e che cigno! Sotto la collaudata ed esperta gestione del mister Toni Angeli i fermignanesi sembrano aver spiccato il volo decisivo. In questa stagione infatti Uguccioni e compagni hanno iniziato una scalata che ha visto poche interruzioni, direzione primo posto, e se qualcuno pensava che potessero essere solo una meteora basta sfogliare le ultime due imprese: sconfitta l’Acqualagna ex capolista al Bivio Borzaga e battuto il Piobbico a domicilio.

 

Andiamo con ordine:
“A.A.A. cercasi Futsal Pesaro” dev’essere questo l’annuncio che mister Lugnoli appenderà nello spogliatoio. I pesaresi cedono anche al Forum, dopo la sconfitta contro il Barco. A S.Ippolito Saudelli e compagni danno sfoggio di un calcetto semplice e producente che porta ben 6 reti ai forsempronesi, a segno con Magi, Mascarucci (x2), Saudelli, Khodelaji e Molinelli. Il Futsal si oppone con le reti di Vagnini (x2) e Pieri, ma contro questo Forum è troppo poco. Mister Pezzullo vicino alla quadratura del cerchio? Sicuramente la terz’ultima piazza è ingenerosa per i suoi ragazzi.

Risorge il Frontonte in casa, e la vittima è il Gallo del player manager Gianluca Battistelli. Frontone che si aggrappa ai suoi uomini migliori per superare l’ostacolo e Pantaleoni e De Pietri rispondono con una doppietta a testa, a completare l’opera arrivano le reti di Pedana e Milli. Al Gallo questa volta non basta la verve realizzativa della Famiglia Lenti: Lenni e Ronni segnano una rete ciascuno, double per Ciacci. Finale 6-4.

Conferma importante anche per il Pieve d’Ico che batte il Passepartout 4-3. A Fano sabato pomeriggio i piu battaglieri sono gli ospiti che danno subito la piega giusta al match e trionfa su rigore. Copertina ancora per Ettore Bonci che quando non vola tra i pali ne approfitta per trafiggere il collega avversario e proprio contro il Passepartout torna al goal. Le altre reti sono di Amantini, Garavani e Riminucci. Da segnalare lo spirito del Passepartout, da lodare sotto ogni punto di visto -non secondario quello sportivo, oltre che umano- che dopo la partita imbandisce un sontuoso terzo tempo, approfittando dell’occasione per festeggiare  il compleanno di Bomber Inserra.

Acqualagna in calo e senza Martelli non riesce a stoppare il fiume in piena Peglio. La Canti’s Band ha infatti l’ordine di non arretrare un centimetro e di tenere stretto lo Gnano. Il banco di prova ottimale è proprio la trasferta di Acqualagna, superata di slancio grazie alle reti di Venturini, Alessandroni, Canti ed un autogoal. Tra gli ospiti si vede il ritorno di Pagliardini, tornato a giocare dopo tre anni. Detto dell’assenza di Martelli, i rossoblu si riscoprono più fragili e scoprono il fianco agli attacchi ospiti, a nulla valgono  le reti di Serafini e Picchi. Peglio nell’Olimpo del girone A, Acqualagna risucchiato nella bagarre sotto il podio.

Vedi lo Sparta e non sembra lo Sparta.  Angelo Pascucci è costretto a cambiare volto agli urbinati per via delle assenze. Furelli, Marra, Del Bianco, Pierini, Stefanelli e Fraternale sarebbero una squadra di vertice, peccato che questa non sia la formazione spartana ma bensì gli assenti. Pascucci allora fa di necessità virtù e butta il cuore oltre l’ostacolo: dall’alto della loro esperienza Cuoco, Pascucci, Fucili e Amadori ricamano le trame di gioco, affidando a Pagnoni l’onore e l’onere di realizzare una tripletta, mentre Fucili si prende la gioia della rete personale. Lo Smirra tiene botta fino al 2-2 poi deve capitolare nonostante le reti di Nucci e Cardinale.

Barco Urbania – Real Vado è urbaniesi contro vadesi, scintille assicurate.  Al Barco va in scena una partita che diverte i presenti, ricca di goal e agonismo. Ancora top player “Miscelato” Pazzaglia, mancino esplosivo e reattività fisica da vendere, che ingaggia una sfida personale con Max Bravi, portierone del Vado.  Alal fine la spunta il Barco, più squadra, con un organizzazione più precisa e con più idee, ispirate da Guido Rigucci, deus ex machina dei barchensi. Il Real Vado inizia bene tenendo fino al 2-2, ma con i suoi attaccanti fuori forma non riesce a tenere il passo degli avversari. Lombardelli e Girelli imbrigliano alla grande Donnini e Alex Guerra, lasciando a Leoni, pivot generossissimo, e Pazzaglia l’incombenza di segnare. Il Vado riesce a tornare nella ripresa sull’8-5, ma la buona prova di Silvi e il mai domo “Miscelato” pongonopresto fine ai sogni di rimonta.

Sotto il Nerone il clima è gelido soprattutto per l’Audax, che incappa in un’altra sconfitta dopo quella di Vado. Lo Gnano apapre indomabile e inizia con il piede nell’accelleratore: Uguccioni, Benedetti, Marchionni scrivono il 3-0 alal fine del primo tempo. Nella ripresa tornano fuori le tigri di mister Venturini che nella foga della rimonta si dimenticano Carfagnini che sigla il 4-0. Reazione di rabbia e orgoglia dell’Audax che tenta di farsi vivo dalle parti di Saltarelli,  ma ci riesce soltanto nel finale, raccogliendo il 3-4 soltanto al triplice fischio.

TORNA LA SCHEDINA DI ULTIME DAI CAMPI
Nei commenti potete aggiungere la vostra scommessa per la seconda giornata di ritorno

Pieve d’Ico – Acqualagna 1
Peglio -Piobbico 1
Gnano – Barco 2
Real Vado – Forum X
Sparta – Gallo X
Smirra – Passepartout 2
Futsal P. – Frontone 2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...