LA FERMIGNANESE PROVA A SCAPPARE, POI CI PENSA BRACCIONI: 2-1 MERCATELLESE

L’Urbino Pieve non sa più vincere: anche la capolista Villa San Martino sbanca il Montefeltro. Domani Peglio-Sassoferrato

MERCATELLESE – FERMIGNANESE 2-1 (52′ Serafini, 68′ Braccioni su rig., 94′ Braccioni)

MERCATELLESE (4-3-3): Pierantoni; Marchetti, Ottaviani, Evangelisti, Cruciani D.; Pistola, Arcangeli, Braccioni; Del Gallo, Ciaffoni (17′ Pierucci), Pasciullo (77′ Cruciani L.). All. Lulli

FERMIGNANESE (4-3-3): Micheli; Belpassi, Arduini, Palazzi (50′ Teodori), Bacchiocchi; Cleri (46′ Ndoj), Gabbianelli, Lupini; Biagiotti, Bruscia, Serafini (78′ Ducci). All. Passeri

ARBITRO: Ferretti di Jesi

Di fronte ad una splendida punizione di Luca Braccioni in pieno recupero, si deve inchinare una buona Fermignanese che interrompe la sua striscia positiva ma se la prende e non poco, con il signor Ferretti di Jesi, reo, a detta del clan ospite, di aver concesso un rigore molto dubbio alla Mercatellese al minuto 68. E’ in quel minuto lì che il derby ha svoltato in direzione Mercatello: nel giro di 7 minuti, prima il pareggio di Braccioni dagli undici metri, poi Gabbianelli, già ammonito, fa fallo su Pistola e si becca il rosso, fino ad arrivare alla punizione del 94′ che ha mandato in estasi il numeroso pubblico locale. Come era nelle previsioni, derby abbastanza contratto, poche le emozioni nel primo tempo con le due squadre intente più a non prenderle piuttosto che a darle. Al 17′ Lulli perde Ciaffoni per infortunio ed inserisce Pierucci che va a fare il terzino, Cruciani D. si sposta in mezzo, Braccioni a sostegno di Del Gallo e Pasciullo; al 24′, geniata di Braccioni davanti alla sua area e successivo lancio per Pistola, cross di quest’ultimo, Cruciani D. a botta sicura ma il gol è solo un’illusione. Al 35′ Braccioni fa le prove mettendo a lato un piazzato mentre la Fermignanese è pericolosa in ripartenza un minuto dopo, bravo Bruscia a mandare sulla corsa di Biagiotti, tiro cross dell’esterno ospite di poco alto. Decisamente più avvincente la ripresa, al 50′ mister Passeri, già orfano di Simoncelli squalficato, fa la prima mossa togliendo un pò a sorpresa Palazzi, a rischio espulsione, per inserire Teodori passando ad un più offensivo 4-2-3-1 con Lupini che arretra in coppia con Arduini. Mai cambio fu più azzeccato: 2 giri di lancetti e Teodori recupera palla a centrocampo, s’invola verso la porta ed offre un cadeau a Serafini, freddo ad impallinare Pierantoni per lo 0-1. La Mercatellese si getta in avanti all’arma bianca, al 63′ sponda di Del Gallo per Cruciani D., il tiro fa la barba al palo del bravo Micheli, la Fermignanese è più viva che mai ed in ripartenza mette più di un brivido al pubblico locale. La svolta, dicevamo, al 68′: contatto in area fra Ndoj e Braccioni, il fischietto jesino opta per il penalty, Micheli intuisce ma non evita il gol dell’ 1-1. Passano 7 minuti e nel frattempo gli animi erano piuttosto caldi, Gabbianelli commette fallo a centrocampo su Pistola e prende anzitempo la via degli spogliatoi; le squadre sembrano accontentarsi della spartizione della posta fino al quarto di recupero quando Braccioni, dai 20 metri, calcia una punizione che colpisce il palo e poi finisce dentro lasciando Micheli di stucco. Dopo gara piuttosto acceso, con la Fermignanese che se la prende con l’arbitro e Serafini, sostituito da Ducci, si becca il rosso dalla panchina. Mercatellese esulta, il momento (5 ko nelle ultime 8) no sembra alle spalle.

URBINO PIEVE – VILLA SAN MARTINO 0-2 (3′ Casoli, 60′ Tanfani)

URBINOPIEVE: Rossi, Amaranti, Bernardini (13’st Kekeo), Micheli, Filippini, Matteucci (20’st Becilli), Curzi, Lapi, Tombari, Sarout, Mancini (30’st Casalnuovo). All. Cervellera

VILLA SAN MARTINO: Gregori, Pancrazi, Signoretti (35’st Giangolini), Pezzani (23’st Carbonari), Pizzinetti, Alegi, Zonghetti, Trufelli, Tafani (28’st Piovaticci), Casoli, Pentucci.

Arbitro: Massari di Jesi

Espulsi: 28’pt Lapi, 22’st Sarout, 36’st Rossi, 39’st Becilli

Spettatori: 150

Il Villa San Martino fa sua una gara che dura solo mezz’ora, tra il vantaggio di Casoli che sfrutta un errato disimpegno gialloblu infilando l’angolino alla destra di Rossi e l’espulsione di Lapi che taglia le gomme al forcing dei locali in cerca del pareggio. L’Urbino sfiora comunque il pari con la punizione di Sarout al 40’ ma nella ripesa si espone ai contropiede di Tafani che dopo aver calciato alto 4’ e addosso a Rossi al 10’ vince un contrasto con Amaranti e infila l’estremo di casa in uscita al quarto d’ora. Ci pensa poi Massari a chiudere la gara con le espulsioni in serie di Sarout (doppio giallo), Rossi (uscita da ultimo uomo su Tafani) e Becilli. Con l’Urbino in sette, le due squadre smettevano di giocare ed evitavano ogni contrasto per evitare di dover chiudere in anticipo la gara e nonostante i 4 minuti di recupero, una provocazione finale che il buon senso avrebbe evitato. Ma non era una giornata da buon senso (TIZIANO MANCINI)

Nelle altre due gare di oggi, Gabicce Gradara corsaro a S.Orso e vittoria del Montelabbate sul Della Rovere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...